Cittadini del Mondo - Via Kennedy, 24 - Ferrara - Tel. 05321717098

Ruspe e diritti umani

Come far passare un violento sgombero come “buona pratica”

A Roma qualche giorno fa, alla Camera dei Deputati, apprendiamo da Avvenire.it del 13/9/21, l'Associazione “21 luglio”  ha presentato il libro <Oltre il campo – superamento dei campi rom in Italia>.  Il presidente Carlo Stasolla ha messo in evidenza le pratiche virtuose di 8 città, tra le quali Ferrara, che hanno superato i campi “integrando le persone e rispettandone la dignità”, insomma esempi virtuosi da indicare nelle linee guida. Questo fatto sorprendente di citare il metodo 'positivo' ferrarese con le ruspe si è  ripetuto più volte nonostante varie smentite delle organizzazioni locali.

Già nel febbraio 2020 il Comune di Ferrara, su indicazione di Stasolla, era stato invitato, tra le Amministrazioni virtuose, alla Commissione per i diritti umani del Senato. In quell'occasione abbiamo scritto ai giornali e alla stessa Associazione “21 luglio” portando anche testimonianze fotografiche del violento sgombero del campo. Una storia alla rovescia che ha visto in successione: manifestazioni xenofobe sfociate nell'intervento immediato dopo-elezioni con il vicesindaco leghista (già noto in campagna elettorale per la sua maglietta “+ rum - Rom”) in bella posa su una ruspa; consiglieri comunali che invitavano ad usare mezzi “trincia-rom”; sostenitori della Lega che si facevano fotografare con lanciafiamme contro i rom.
Ora anche la beffa: ci viene detto durante la stessa presentazione che Ferrara “ha speso solo 12mila euro per superare l'area di via delle Bonifiche abitata da decenni da 44 sinti italiani”.  Informazione chiaramente con scopo elettorale, di per se numericamente ridicola, forse questa è stata la spesa delle ruspe! 
Nella realtà cittadina abbiamo assistito ad una esplosione di fanatismo che ha coinvolto 44 persone, italiane, che hanno perso buona parte dei loro averi e sono state sparpagliate, sistemate provvisoriamente nella lontana periferia della città, in appartamenti comunali ripristinati per l'occasione e che hanno dovuto essere riforniti di tutto, poiché quasi niente si è salvato del precedente insediamento dopo l'intervento delle ruspe (sempre presumibilmente con i 12mila euro di cui sopra).
Il diritto ad una casa dignitosa è fondamentale per tutti, per questo ci siamo sempre opposti a questo sgombero propagandistico che non ha mai prospettato una soluzione abitativa stabile, né inserimenti lavorativi, né miglioramenti di nessun genere.
Alcune organizzazioni di volontariato si sono preoccupate di tamponare gli effetti dello sgombero, di garantire la scuola ai bambini e di mantenere, se non l'unità del gruppo, almeno l'unità di alcune famiglie. Questo intervento umanitario ha fatto comodo anche all'Amministrazione comunale che, con l'impegno degli altri, può vantarsi di non avere avuto gli sfollati per strada.
In questo quadro risulta incomprensibile il reiterato elogio dell'Associazione di Stasolla a queste pratiche violente, un tentativo di normalizzare una politica che ha poco in comune con l'integrazione e la dignità umana.

Ferrara, 16/09/2021                                                                 CITTADINI DEL MONDO

cultura e societa

  • Visite: 185

Logo Cittadini del Mondo
Via John Fitzgerald Kennedy, 24
44122, Ferrara, FE
Tel: 05321717098
C.F. 93022650381

Contatti

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.